i4 AUGMENTED REVIEW

Con lo sviluppo delle cosiddette tecnologie immersive, ci sono sempre più possibilità di creare mondi virtuali dettagliati in cui l’utente può essere completamente immerso. L’immersione qui si riferisce all’effetto in cui l’utente percepisce l’ambiente virtuale come molto vicino alla realtà. Questo termine è anche spesso usato in relazione alla realtà virtuale (VR).

La Realtà Virtuale (VR) in particolare permette un grado di immersione molto alto. Anche se è solo un ambiente generato dal computer, l’esperienza visiva lo fa sembrare al nostro cervello e ai nostri sensi come se quel mondo fosse reale. Per esempio, le persone che hanno paura di volare reagiscono in modo simile ad un volo generato dal computer nei simulatori di volo come farebbero con un volo reale in aereo, anche se nella simulazione sono costantemente a terra.

Cos'è l'immersione?

La VR è utile in molti settori. Con applicazioni adatte, non solo la formazione ma anche le conferenze d’affari possono essere condotte con un grado di immersione molto più alto. La VR può anche essere usata in ambito medico, come la preparazione per complesse procedure chirurgiche.

Ma cosa significa l’immersione per la realtà virtuale e come sono collegate le due cose?

Cos’è l’immersione?

Il termine immersione viene inteso come l’immersione in un ambiente. Questa esperienza trasporta le persone in un mondo fittizio ed è simile all’esperienza di immergersi nell’oceano, come quando si legge un libro, si gioca a un gioco per computer o si guarda un film, si è circondati da un’altra realtà mediatica. Questo può essere causato sia mentalmente che fisicamente:

Immersione mentale

La maggior parte delle persone ha familiarità con l’immersione mentale per esperienza personale. Questo si verifica quando una persona è profondamente e mentalmente immersa in un’azione. Per esempio, le persone lo sperimentano quando leggono un libro appassionante o guardano un film affascinante. L’immersione mentale descrive uno stato in cui l’utente si sente profondamente impegnato, altamente coinvolto e pronto ad abbracciare la finzione.

Immersione fisica

Un’immersione che crea una visione a 360 gradi attraverso media visivi, come la realtà virtuale. A questo punto, l’esperienza fisica di un ambiente si verifica non solo mentalmente, ma anche fisicamente, e quindi si parla di immersione fisica. Un alto grado di immersione fisica si verifica quando vengono utilizzati dispositivi di input e output che impegnano effettivamente il maggior numero possibile di sensi dell’utente. Per esempio, gli occhiali VR possiedono già un alto grado di immersione fisica perché i movimenti reali dell’utente sono trasferiti all’ambiente virtuale in tempo reale. L’utente, indipendentemente da dove sta guardando, è consapevole solo del mondo virtuale. Guanti con feedback tattile, tapis roulant e altri dispositivi di input e output aumentano l’immersione fisica, che a sua volta ha un effetto positivo sull’immersione mentale.

Immersione e presenza

Nel contesto dell’immersione, il termine “presenza” è spesso usato per descrivere la sensazione soggettiva dell’utente di essere realmente nel mondo virtuale. A seconda del livello di dettaglio e di realismo dell’ambiente virtuale, lo spettatore lo percepisce come più o meno reale. Questa sensazione soggettiva di presenza può essere raggiunta dall’immersione mentale di una persona nell’ambiente e può essere rafforzata da un alto grado di immersione fisica.

Diverse manifestazioni del sentimento di presenza

Il senso di presenza può essere causato da vari fattori:

  • Illusione di plausibilità
  • Illusione della posizione
  • Coinvolgimento

L’illusione della plausibilità

L’illusione di plausibilità descrive il caso in cui gli eventi in un ambiente simulato sono percepiti da una persona il più vicino possibile alla realtà, come se fossero realmente accaduti. Tuttavia, la persona sa che si svolgono solo in un ambiente virtuale. Questo fenomeno si basa sul contenuto del mondo simulato. La fiducia in un ambiente virtuale sembra essere più importante del realismo sensoriale. Qui, l’incontro con una persona simulata che può comunicare solo con frasi molto semplici e illogiche, può interrompere la nostra illusione. Questo disturbo è allora chiamato “interruzione della presenza” e può verificarsi nel caso di un’illusione di plausibilità o di localizzazione. Quindi l’ambiente non viene percepito come l’utente si aspetta.

L’illusione della posizione

L’illusione di posizione o di luogo descrive la sensazione dell’utente di essere in un altro luogo, anche se sa che in realtà è lì solo virtualmente e non nella realtà. È principalmente supportato da dispositivi di uscita immersivi fisici. In particolare, il livello di dettaglio generato dalla corrispondente tecnologia di rendering 3D gioca un ruolo importante. L’illusione del luogo può essere creata, per esempio, da tour VR che danno all’utente la sensazione di essere davvero nel luogo specificato.

Coinvolgimento

Il coinvolgimento si riferisce all’attenzione o all’interesse per l’ambiente simulato. Come per l’illusione di plausibilità, il coinvolgimento è determinato principalmente dal contenuto del mondo virtuale. Per esempio, un’illusione di posizione può dare all’utente la sensazione di essere in un luogo virtuale, ma sarà ancora solo parzialmente coinvolto, il senso di presenza è ancora relativamente limitato. D’altra parte, a causa di un contenuto interessante e coinvolgente, l’utente può essere altamente coinvolto e quindi immerso mentalmente, anche se la mancanza di illusione del luogo può causare un senso di non presenza.

Mentre l’immersione mentale e la presenza sono considerati fenomeni psicologici, l’immersione fisica può essere intesa come un fenomeno tecnico o fisico, poiché i sensi sono impegnati attraverso stimoli fisici con l’aiuto delle tecnologie.

Cosa significa immersion in italiano?
Immersion deriva dal latino “immersio” e significa qualcosa come “immersione”, “entrare” o “embed”. L’immersione è oggi usata soprattutto in relazione al mondo virtuale e all’immersione in esso.

Cosa sono i media immersivi?

Quando si parla di installazioni interattive legate alla realtà virtuale o alla realtà aumentata, di solito si parla di media immersivi. In senso stretto, le forme classiche di produzione come un’avvincente opera teatrale o un film, un libro appassionante o una misteriosa installazione sonora fungono da mezzi che permettono all’utente di immergersi completamente nel mondo messo in scena, cioè di sperimentare l’immersione.

I media immersivi non appartengono a nessun genere di media classico, ma possono essere una combinazione di diversi media e forme di interazione messe in scena nello spazio. Spesso vengono utilizzate tecnologie emergenti per le quali non esistono metodi di produzione consolidati. In questo campo, bisogna spesso sviluppare metodi individuali

Una produzione di uno spazio immersivo deve soddisfare le più alte aspettative e una vasta gamma di abitudini di visione, poiché l’installazione di uno spazio mediatico in mostre, musei, luoghi pubblici o anche installazioni pubblicitarie o eventi commerciali di solito crea una sensazione per il pubblico e riceve la massima attenzione.

Non sorprende che ci sia molta sperimentazione durante tale sviluppo. Dopo tutto, un’installazione complessa non solo deve funzionare perfettamente da un punto di vista tecnico, ma l’esperienza del visitatore deve anche essere impressionante e coerente – senza alcuna restrizione alle proprie azioni intuitive.

Cosa significa AR e VR per l’immersione?

La realtà aumentata, o AR in breve, aggiunge contenuti digitali al mondo reale e offre grandi opportunità per le aziende di ispirare i loro clienti e partner commerciali. Quindi, quando si tratta delle ultime tendenze, la realtà aumentata è un must.

Buoni esempi di questo sono cose come “Vorrei testare il prodotto prima di comprarlo”, “Voglio sperimentare questa nuova tecnologia come se fossi coinvolto nel processo”. Con queste tecnologie, un responsabile commerciale di un azienda è in grado di raggiungere i suoi clienti esattamente quando stanno cercando un certo prodotto e quindi avere un’influenza positiva sul comportamento di acquisto.

Continuum Realtà Virtuale

Semplicemente descritta, la realtà aumentata (AR) significa una forma aumentata di realtà. In questo processo, aggiungiamo elementi digitali alla realtà attraverso mezzi tecnologici. Simile alla realtà virtuale (VR), l’AR è classificata come uno degli ambienti immersivi. La transizione tra le tecnologie è fluida ed è meglio descritta in termini di “continuum virtual reality”.

Parte del continuum include la realtà, tutto ciò che percepiamo con i nostri sensi. Quando aggiungiamo elementi virtuali alla realtà, siamo nel regno della realtà aumentata o AR. Quando guardiamo scene con luoghi, oggetti o persone reali, grazie al supporto della VR, parliamo di virtualità aumentata o augmented virtuality. Un ambiente completamente generato dal computer, invece, si chiama realtà virtuale.

Continuum di Milgram – Realtà mista (MR)

I confini tra realtà e realtà virtuale si confondono

Immersione nella realtà aumentata

Il potere del marketing immersivo permette agli utenti di essere completamente immersi nel contenuto di un’applicazione utilizzando tecnologie AR o VR, creando un vero senso di presenza.

A differenza della realtà virtuale, la realtà aumentata ha il grande vantaggio di non dipendere da occhiali costosi. Questa tecnologia può essere utilizzata con una varietà di dispositivi di output – come l’AR mobile. Su uno smartphone o tablet, il software AR estende un’immagine live della telecamera con elementi virtuali che sono visibili sul display.

La realtà aumentata stimola così la creatività degli utenti e coinvolge fortemente i partecipanti all’evento:

  • Invece di usufruire passivamente del contenuto, l’AR fornisce un effetto altamente attivante per l’interazione con gli elementi digitali
  • I produttori possono comunicare facilmente con i loro clienti, portando i prodotti direttamente nell’ambiente dei consumatori, intrattenendoli e costruendo relazioni
  • Il marketing della realtà aumentata mobile può essere facilmente combinato con altre discipline di marketing, come il social media marketing

A parte l’AR mobile, i primi occhiali AR sono già disponibili, ma al momento sembrano ancora piuttosto futuristici per essere utilizzati nella vita quotidiana. Un’altra possibilità di utilizzare la realtà aumentata sono le soluzioni di proiezione, che sono già utilizzate con successo nel marketing.

Due interessanti APP immersive AR da testare

i4 AUGMENTED REVIEW

Ad oggi ci sono già alcune buone app AR sul mercato con cui l’esperienza immersiva può essere testata direttamente. Con l’aiuto del visore AR i4 AUGMENTED REVIEW, per esempio, i prodotti possono essere facilmente posizionati nello spazio reale sotto forma di modelli 3D. Per utilizzare questa App non è necessario indossare occhiali VR, funziona semplicemente con il vostro smartphone o tablet. Il visualizzatore è gratuito nella versione base e può essere esteso con la versione PRO con ulteriori funzioni, come la visualizzazione di modelli molto grandi o l’inserimento di informazioni aggiuntive.

Immersion in Augmented Reality

i4 AUGMENTED CATALOG

Con l’aiuto dell’applicazione i4 AUGMENTED CATALOG e il servizio cloud associato, i modelli 3D possono essere utilizzati insieme a foto o illustrazioni. Questo permette ai clienti di visualizzare un prodotto visto su un catalogo o su un sito web nei loro locali come un modello 3D e sperimentarlo direttamente in modo immersivo.

Immersione nella realtà virtuale

Il termine Realtà Virtuale o VR in breve è un termine generico e descrive il contenuto che può essere visualizzato con dispositivi digitali come HMD (Head Mounted Displays) o smartphone (Mobile VR). Gli occhiali per la realtà virtuale e la realtà aumentata sono tra gli HMD più comuni. Questi possono essere utilizzati per creare un mondo virtuale completamente nuovo che oscura completamente il mondo reale. E’ quindi possibile registrare un filmato con una telecamera a 360 gradi o un modello 3D interattivo. La realtà virtuale può ad esempio essere intesa come una conferenza virtuale dove l’utente è completamente immerso in ciò che sta accadendo in un altro luogo.

L’ambiente VR che risponde all’utente è chiamato “realtà virtuale interattiva”. Questo si trova principalmente nei videogiochi, ma anche nelle applicazioni mobili. Quasi tutti i comuni occhiali VR hanno i propri controller VR che vengono utilizzati per eseguire interazioni con l’ambiente. L’uso del controller deve essere progettato nel modo più intuitivo possibile per ottenere un alto grado di immersione. Molti occhiali VR ora riconoscono anche i movimenti delle dita, delle mani e delle braccia dell’utente, permettendo loro di interagire con la realtà virtuale al tocco di un pulsante o con gesti individuali.

La realtà virtuale schermata

La migliore esperienza immersiva si ottiene attraverso una realtà virtuale schermata, ma questo è per lo più possibile attraverso gli occhiali VR che sono già disponibili. Il nostro corpo e il nostro cervello tendono a fidarsi di ciò che vediamo. Nella vita quotidiana, siamo troppo spesso ingannati da ciò che vediamo. Il nostro cervello può adattarsi rapidamente alla VR e quindi accettare il mondo “artificiale” come reale.

A causa dell’accettazione e della presenza che ne deriva, l’uso degli occhiali VR può persino causare agli utenti un tipo di effetto collaterale che è sorprendentemente simile al classico mal di mare, anche se non si è fisicamente in movimento. Questo può accadere soprattutto con applicazioni sbilanciate che non bilanciano i movimenti del mondo reale con quelli della VR. Questi conflitti sensoriali sorgono quando le informazioni provenienti da diversi input sensoriali sono contraddittorie o non corrispondono alle aspettative. Mentre il nostro cervello crede che il nostro corpo si stia muovendo in VR, il corpo invia segnali che in realtà è in piedi o seduto sul posto. Sono questi i segnali contrastanti che possono innescare rapidamente questo fenomeno. Tuttavia questo fenomeno, simile a quello dei piloti sottoposti a forze di accelerazione elevate, può anche essere allenato. L’uso regolare delle tecnologie VR può quindi ridurre tali effetti collaterali.

Che cos’è l’immersione?
Il termine “immersione” si riferisce all’immersione o all’ingresso in un mondo virtuale che non esiste nella realtà e finora è stato usato soprattutto nel mondo dei giochi per computer. Con l’aiuto della realtà virtuale, l’utente è immerso in un mondo virtuale artificiale. Lì può interagire con la realtà virtuale e dimentica il mondo reale che lo circonda in quel momento. Nel frattempo, la realtà virtuale viene utilizzata anche nell’industria. Gli utenti si immergono nel mondo virtuale di impianti, macchine e fabbriche simulate, percepiscono informazioni e le traducono in azioni. Il mondo virtuale deve essere progettato il più vicino possibile alla realtà, perché più l’utente ha la sensazione di essere effettivamente in una realtà virtuale, meglio funziona l’immersione.

Migliorare l’immersione nella VR attraverso mezzi tecnici.

Ci sono alcuni trucchi per migliorare l’immersione dell’utente. Ecco due buoni esempi:

  • Il suono spaziale ha trovato da tempo il suo posto nei giochi. Con il suono spaziale, i suoni del gioco sono abbinati a quelli della grafica. Gli utenti possono usare l’audio spaziale in modo molto efficace anche nella realtà virtuale. Non è solo adatto per i giochi, ma anche per qualsiasi narrazione che mira all’occhio dell’utente per scopi pubblicitari, per esempio. Il suono della voce di un presentatore può indirizzare l’utente verso singoli elementi ambientali quando si ha la percezione che arrivi da una particolare direzione.
  • Interattività nella VR. L’immersione può essere notevolmente migliorata facendo interagire l’utente con il contenuto. L’effetto è ulteriormente migliorato quando l’utente è completamente libero di muoversi in un ambiente.

Un mondo virtuale completamente immersivo sarà in grado di replicare tutti i nostri sentimenti, pensieri e altro in un ambiente completamente artificiale. Qui non bisogna trascurare nessun dettaglio. Qualsiasi interruzione o anche il minimo segnale conflittuale con il corpo dell’utente lo farebbe uscire dal mondo completamente immersivo.

Due App VR immersive da provare

Per ottenere la migliore esperienza immersiva, vi raccomandiamo le App di realtà virtuale. Il primo test in realtà virtuale può essere effettuato con l’aiuto del visore VR i4 VIRTUAL REVIEW e degli occhiali VR. Qui, i modelli dell’utente, per esempio da file CAD, sono caricati in un ambiente virtuale e l’utente è poi immerso in questo ambiente.

La VR può anche essere usata come esperienza condivisa con altri per condurre riunioni immersive in un ambiente virtuale. Con i4 MEETING, potete creare i vostri mondi virtuali e immergervi in essi insieme ad altre persone di tutto il mondo.

L’immersione rimarrà un ricordo presente anche in futuro

L’immersione, o essere immersi in altri mondi, è essenzialmente un’esperienza unica e crea emozioni straordinarie per gli utenti. Sia che si utilizzi l’AR o la VR, entrambe le tecnologie possono essere utilizzate per presentare contenuti immersivi agli utenti. Oltre a molti esempi dell’industria del gaming, esistono già oggi applicazioni che possono essere utilizzate in modo produttivo anche nelle aziende.

Che si tratti di una piccola o grande azienda di un qualsiasi settore, ci sono già oggi molte possibilità di utilizzare la VR nelle aziende. Maggiori informazioni possono essere ottenute senza impegno da un’azienda che sviluppa e commercializza software per la realtà virtuale come, CAD Schroer GmbH. I suoi esperti attingono da un portafoglio di conoscenze AR/VR e possono offrirvi diverse opzioni per una soluzione personalizzata prima che venga presa una decisione.

Con le soluzioni presentate sopra, i progetti di esperienze immersive possono essere implementati in pochissimo tempo. Ogni azienda ha la possibilità di estendere il suo vantaggio competitivo attraverso le tecnologie immersive.

L’immersione rimane una sfida del presente e, con le sue nuove possibilità, porta l’anticipazione di un futuro eccitante.