Realtà virtuale come misura di supporto alle vendite

Tendenza del marketing 2022: l'importanza della realtà aumentata e virtuale

Quali sono le tendenze del marketing nel 2022?

La digitalizzazione ha avuto uno sviluppo estremo, anche a causa della pandemia e delle relative chiusure, e ha fatto davvero grandi salti. Sempre più nuove tecnologie e modi aprono possibilità di tipo digitale per rivolgersi a clienti e utenti. Questo si nota anche nel marketing. Ci sono molte tendenze di marketing, ma realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) dovrebbero ricevere un’attenzione speciale nel 2022. Offrono una vasta gamma di possibilità.

Realtà aumentata e realtà virtuale – le tendenze di marketing più importanti per il 2022

Possibili usi nei settori della realtà aumentata e virtuale sono già disponibili oggi. Grazie al 5G, la varietà di applicazioni è in continua espansione e i dispositivi AR e VR pratici e performanti stanno diventando adatti all’uso di massa. Le nuove applicazioni permettono anche di rendere disponibili enormi quantità di informazioni in modo rapido e conveniente. Questo significa che le tecnologie AR e VR saranno inevitabilmente una tendenza di marketing nel 2022.

La realtà aumentata (AR) è la connessione del mondo reale e virtuale e serve come estensione della realtà. Da un punto di vista tecnico, uno strato aggiuntivo è posto sopra al mondo reale. In questo strato aggiuntivo, simboli, oggetti o ulteriori informazioni possono essere aggiunti o sfumati. L’hardware necessario per questo è costituito dagli occhiali AR, che sono spesso chiamati anche occhiali intelligenti. Tuttavia, la tecnologia può essere utilizzata anche con le app corrispondenti in quasi tutti i moderni smartphone o tablet.

Marketing Trend Augmented Reality
VR Meeting mit VR Brille
La realtà virtuale (VR) è un mondo virtuale, cioè fittizio. Tutto ciò che l’utente sta vedendo attualmente sta accadendo esclusivamente in modo virtuale. In contrasto con la realtà aumentata, nessun soggetto del mondo reale è incluso o integrato. L’hardware richiesto sono gli occhiali VR o un display montato sulla testa (HMD). Per un’esperienza completa vengono spesso aggiunte informazioni audio.

Quali sono i vantaggi della tendenza del marketing realtà virtuale?

Ci sono innumerevoli ragioni per cui le aziende dovrebbero considerare l’uso del marketing VR. Vale anche la pena guardare le prospettive a lungo termine e non solo saltare sul carrozzone per un momento. Quali opportunità sono già disponibili e cosa può essere attuato già oggi? Qui di seguito una piccola guida e ispirazione. Negli ultimi anni, sempre più aziende hanno fatto i primi sforzi per utilizzare efficacemente la realtà virtuale o VR nel marketing, a volte con più e a volte meno successo. Se si guarda più da vicino alle misure di VR che sono state implementate, è facile vedere che sono tutte simili in un aspetto: Il messaggio di marketing deve essere trasmesso attraverso la VR. Tuttavia, ci sono alcuni criteri che possono essere utilizzati per distinguerli e classificarli. Sono proprio queste caratteristiche distintive che sono l’oggetto di quanto segue. La caratteristica più importante è l’ambiente di comunicazione, perché a seconda di questo, ci sono diverse sfide, processi di pianificazione e, naturalmente, obiettivi.

Vantaggi di AR e VR nel marketing

  • Esperienza di visualizzazione nuova e intensa per l’utente
  • Esperienza impressionante per l’utente
  • Rivolgersi ai clienti a livello emotivo porta a una maggiore fedeltà dei clienti.
  • Rafforzare la decisione di acquisto attraverso una presentazione efficace
  • Rafforzamento del marchio attraverso esperienze di shopping mozzafiato
  • Lavorare e agire con diversi dipendenti in uno spazio virtuale
  • Potenziali per una vasta gamma di applicazioni
  • I messaggi possono essere trasmessi in modo molto più convincente
  • Permette approfondimenti dettagliati su prodotti complicati
  • Comunicazione efficace attraverso l’interazione diretta
  • Immagine pionieristica attraverso l’uso della tecnologia più innovativa
  • Le campagne pubblicitarie diventano efficaci e movimentate

L’esperienza VR per la casa

Le quattro mura di casa sono probabilmente il primo ambiente che viene in mente quando si parla di realtà virtuale (VR) nel marketing. Tuttavia, il gruppo target corrispondente è ancora molto ristretto, poiché i consumatori devono avere i propri occhiali VR. Poiché la distribuzione è ancora molto bassa, la conoscenza non è così ampia come nel caso del video marketing a 360° e altri media digitali. Tuttavia, questa misura è convincente grazie all’alto grado di interazione e immersione, che aumenta il coinvolgimento del consumatore e quindi crea forti esperienze emotive. La “VR Skin Exploration” di Beiersdorf è un esempio tangibile di un’esperienza VR a casa. Porta il consumatore in un viaggio virtuale attraverso la nostra pelle. L’utente entra così nel mondo virtuale del prodotto in modo giocoso e può scoprirlo in modo completamente indipendente. Le tematiche complesse, in modo particolare, possono essere comprese più rapidamente attraverso una comunicazione interattiva delle informazioni e il rischio d’acquisto percepito dal cliente si riduce. Questo a sua volta ha un’influenza positiva sul loro comportamento d’acquisto.
Tendenza del marketing realtà virtuale

Realtà virtuale come misura di supporto alle vendite

La VR nel punto vendita (POS) può essere integrata direttamente nelle conversazioni con i clienti, per esempio per illustrare i prodotti, descrivere le proprietà o presentare le singole varianti di prodotto. Questa misura è particolarmente realistica quando il prodotto è direttamente coinvolto. In questo modo, la tecnica “Walking VR” di Audi viene utilizzata per rendere il veicolo virtualmente accessibile. Questo dà al cliente la possibilità di vedere il veicolo da diverse prospettive. Viene anche visualizzata la configurazione degli accessori e i desideri del cliente possono essere soddisfatti immediatamente. L’obiettivo del trasferimento di informazioni è la vendita, ed è per questo che questa tecnica è molto adatta alla fase avanzata del processo di vendita. È particolarmente efficace per i prodotti costosi con un grande bisogno di informazioni, come l’acquisto di un’auto o la visualizzazione di beni immobili.

La VR è particolarmente eccitante nei segmenti ad alto prezzo, come l’ingegneria meccanica, la costruzione di impianti o la pianificazione di fabbriche. Il visore VR i4 VIRTUAL REVIEW offre a progettisti, disegnatori e ingegneri la possibilità di visualizzare e camminare attraverso modelli CAD di qualsiasi tipo in realtà virtuale. L’applicazione VR è anche molto interessante per il marketing e le vendite. Che si tratti di visitare un cliente, di una fiera o di un evento, l’impianto o la macchina corrispondente è sempre disponibile nella sua dimensione originale.

Realtà virtuale e esperienza del marchio

Qui, elementi virtuali e reali possono essere mescolati in modo molto mirato. Creando un’esperienza stimolante che fa appello a tutti i sensi, il metodo di un’esperienza VR è particolarmente adatto per la fidelizzazione dei clienti. L’azienda Globetrotter, specializzata in articoli outdoor ha usato questa opportunità per un anniversario aziendale e ha portato i clienti in un viaggio virtuale intorno al mondo. Questa avventura immersiva è stata vissuta direttamente nei negozi Globetrotter. Attraverso l’uso di attrezzature ed effetti come il freddo, il vento e le vibrazioni, questo viaggio d’avventura è sembrato molto realistico.

Terminali VR e showroom VR – nuove possibilità nel marketing

I terminali VR di solito non fanno parte del discorso delle vendite, ma sono piuttosto paragonabili ai cosiddetti terminali informativi. I clienti possono usarli per ottenere ulteriori informazioni sull’offerta corrispondente o sul singolo prodotto. L’incentivo all’acquisto è promosso dall’immersione.
Lo showroom VR di IKEA mostra come si fa. I clienti possono progettare stanze virtuali con i mobili scelti. Gli showroom in realtà virtuale sono sempre più utilizzati anche dai concessionari d’auto. In questo modo, il concessionario può presentare al cliente la sua esposizione completa con tutti i veicoli disponibili nella realtà virtuale.

Realtà virtuale allo stand espositivo

La realtà virtuale (VR) è particolarmente interessante quando lo spazio è limitato, come spesso avviene nelle fiere. Lo stand fieristico può essere virtualmente ampliato e reso più interessante per i visitatori. In questo modo, la gamma di servizi può essere particolarmente enfatizzata e l’atteggiamento positivo dei potenziali clienti verso il prodotto viene aumentato. La comunicazione basata su fatti ed emozioni può essere combinata molto facilmente con l’aiuto della VR.

Realtà virtuale e marketing di eventi

Simile allo stand fieristico, la VR è integrata in un concetto globale nel marketing degli eventi. Di regola, l’evento viene ampliato per includere la componente VR, che viene poi utilizzata per rafforzare la fedeltà dei clienti al marchio. Così, l’immagine, la consapevolezza e la relazione della marca sono in primo luogo da collegare con questa misura. Il giro sulle montagne russe con Babbo Natale della Coca-Cola è un esempio concreto. Le riunioni sono anch’esse un tipo di evento. Ci sono molte piattaforme di riunione, ma la piattaforma di riunione VR i4 MEETING offre qualcosa di unico. La riunione si svolge virtualmente e il partecipante entra nella stanza virtuale con un avatar e il suo nome. I partecipanti possono scambiarsi idee tra di loro proprio come in qualsiasi altro luogo reale. Il punto forte di i4 MEETING è che in questa sala è possibile presentare modelli 3D e i clienti hanno l’opportunità di vederli in dettaglio. Questo funziona su PC e Tablet utilizzando un browser o con occhiali VR.

Cosa offre la tendenza di marketing realtà aumentata?

Come descritto sopra, la VR riguarda l’immersione in mondi virtuali. La realtà aumentata o AR integra l’ambiente reale con informazioni ed elementi digitali. Al giorno d’oggi, questo viene fatto di solito utilizzando uno smartphone o un tablet. Il software AR aggiunge contenuti digitali all’immagine live fornita dalla telecamera. I moderni dispositivi mobili non hanno bisogno di alcun software speciale, un’app è sufficiente e la qualità è impressionante.

Possibili usi di AR e VR nel marketing

  • VR e AR come strumenti di supporto alle vendite
  • Particolarmente efficace per i prodotti costosi e quelli che richiedono spiegazioni
  • Esperienza VR e AR per la casa
  • Creare esperienze emotive per l’utente
  • Showroom VR come nuove opportunità nel marketing
  • Negozi online virtuali walk-in
  • VR nello stand della fiera o nel marketing dell’evento
  • Rappresentazione di prodotti complessi o macchine walk-in
  • AR nel Retail stazionario: rendere l’esperienza d’acquisto un punto culminante
  • Grandi quantità di informazioni sono rapidamente e comodamente disponibili

Realtà aumentata e shopping online

I prodotti che richiedono spiegazioni, spesso non possono essere descritti adeguatamente con foto e video. L’AR è in realtà il complemento perfetto per questo, come dimostrano molte app. Con l’app corrispondente di IKEA, si possono guardare diversi mobili stando comodi a casa propria. Con l’app del produttore di vernici Dulux, si può visualizzare il nuovo colore delle pareti di casa. Un’altra applicazione trasforma lo smartphone o il tablet in uno specchio per il trucco e permette di provare i prodotti cosmetici. Questi link facilitano l’acquisto dei prodotti da parte dei clienti. Nel contesto industriale, per esempio, l’app i4 AUGMENTED REVIEW, visualizzatore di realtà aumentata (AR), permette di visualizzare qualsiasi modello 3D nell’ambiente reale. Gru, robot e macchine possono essere visualizzati come modelli AR in qualsiasi ambiente.

Realtà aumentata nel commercio al dettaglio stazionario

Nel Retail tradizionale, l’AR può anche essere molto utile e trasformare l’esperienza di acquisto in un momento clou. Lo spogliatoio virtuale è un esempio eccezionale. Uno specchio high-tech con capacità quasi magiche permette di evitare di dover aspettare il prossimo camerino di prova libero. Si possono provare virtualmente molte combinazioni diverse di indumenti e anche i colori possono essere cambiati in modo dinamico. Anche se non tutti i prodotti sono in stock nel negozio, questa prova virtuale è molto utile per trovare i vestiti giusti.

Realtà aumentata nei media sociali

I filtri AR con effetti divertenti e insoliti per selfies e altre foto sono particolarmente adatti al marketing. Personaggi di film, mascotte o i prodotti stessi possono far parte di questi filtri. Deve solo essere divertente. Snapchat parla di circa il 30 % di utenti che usano i filtri e interagiscono anche con le pubblicità, per lo più da soli, ed i risultati vengono poi anche distribuiti. Netflix ha usato un ambiente AR per una delle sue serie. Anche i lungometraggi, soprattutto le commedie, utilizzano opzioni di selfie divertenti. La catena di fast food statunitense Taco Bell ha raggiunto 224 milioni di visualizzazioni in un solo giorno con un filtro per selfie. Anche Facebook ora usa filtri simili a Snapchat con grande successo.

App visore AR

Per visualizzare modelli 3D in realtà aumentata, è necessaria una buona app. Con l’aiuto del visore AR i4 AUGMENTED REVIEW, l’adattabilità all’uso quotidiano della realtà aumentata diventa estremamente evidente. Questa applicazione permette di visualizzare modelli 3D qualsiasi nell’ambiente reale. Tutto ciò che serve è uno smartphone o un tablet con funzionalità AR. Sui moderni dispositivi mobili, anche modelli 3D molto complessi possono essere visualizzati sul visore AR. Una semplice interfaccia utente garantisce che ogni utilizzatore possa trovare facilmente la sua strada. Dopo aver caricato il modello 3D, questo viene posizionato nello spazio reale e può essere ridotto, ingrandito, ruotato e spostato.
Il nuovo visore per la realtà aumentata i4 AUGMENTED REVIEW permette di integrare i modelli 3D nello spazio reale

Realtà aumentata nella stampa e nella pubblicità esterna

Anche la pubblicità statica su giornali o riviste e manifesti può essere raffinata e migliorata dall’AR. Ci sono già molti esempi di questo negli ultimi anni. E la tecnologia necessaria si è diffusa. Porsche, per esempio, ha utilizzato le funzioni AR dell’app Shazam. Questo ha permesso ai lettori di una rivista di motorsport di dare vita alle auto. Ogni modello aveva un video memorizzato che partiva automaticamente. Fondamentalmente, AR è un ulteriore sviluppo del codice QR, perché qui qualsiasi immagine può essere rilevata e il relativo contenuto può essere visualizzato. L’utente non finisce semplicemente su qualche sito web come con il codice QR, ma piuttosto il cartaceo e il digitale sono direttamente combinati e collegati tra loro e si crea un’esperienza complessiva.

App AR per cataloghi

Con questa app AR, i modelli 3D di prodotti vengono sovrapposti direttamente alle immagini dei cataloghi, opuscoli o schede tecniche. Con l’aiuto della realtà aumentata o AR, è così possibile migliorare la documentazione utilizzata per il marketing, non sono presenti semplici foto e immagini, ma anche i modelli 3D corrispondenti che si sovrappongono alle immagini e si adattano al contenuto. L’applicazione i4 AUGMENTED CATALOG e il servizio cloud associato offrono una semplice introduzione alla realtà aumentata. I modelli 3D selezionati sono memorizzati nel cloud e sono quindi disponibili in tutto il mondo via internet. I modelli individuali sono collegati a un’immagine dai documenti corrispondenti. Da quel momento in poi, chiunque abbia in mano il catalogo o i documenti può vedere i modelli corrispondenti collegati e convincersi della qualità molto meglio.
“Le nuove tecnologie come realtà virtuale e realtà aumentata forniscono un’ampia base per rendere le campagne impattanti ed esperienziali, che poi si rifletteranno nelle cifre delle vendite”

Tendenze di marketing per il 2022: AR e VR, una conclusione

La tendenza è chiara. Sempre di più, le nuove tecnologie come AR e VR stanno influenzando il marketing. Lo sviluppo di AR e VR è progredito rapidamente negli ultimi anni. Nel frattempo sono arrivate sul mercato nuove cuffie e occhiali speciali. I nuovi occhiali di Oculus o gli occhiali Microsoft Mixed Reality e gli HoloLens mostrano chiaramente la tendenza. E con tutte le innovazioni arrivano nuove esperienze. Queste tecnologie offrono un’ampia base per rendere le campagne pubblicitarie efficaci e ricche di esperienze, che dovrebbero poi riflettersi nelle vendite. E se le soluzioni standard corrispondenti non dovessero bastare, si possono senza dubbio sviluppare e realizzare soluzioni AR o VR interamente personalizzate. In questo contesto, gli interessati possono chiedere consiglio direttamente a CAD Schroer per sapere quale app è più adatta a quale campagna pubblicitaria. I vari prodotti i4 menzionati in questo articolo possono già essere utilizzati e possono portare il marketing ad un livello completamente nuovo. Programmare le proprie app personalizzate AR/VR è anche un obiettivo condiviso con CAD Schroer.